Il Progetto

Il progetto ZED&L (Zero Emissions Distribution & Logistics) nasce per proporre un innovativo modello logistico-distributivo per il trasporto merci in ambito urbano, finalizzato alla riduzione delle emissioni di agenti inquinanti nell’atmosfera, del rumore acustico e dei costi legati alla distribuzione fisica delle merci. Un reale “impatto zero” dal punto di vista energetico presuppone una completa integrazione nel modello distributivo anche della generazione dell’energia elettrica e un suo utilizzo altamente efficiente. La possibilità di pre-determinare il flusso delle merci consente di valutare in anticipo anche i reali fabbisogni energetici di una flotta di mezzi elettrici destinata alla distribuzione urbana. ZED&L verrà sperimentato ed implementato nella città di Roma, che con i suoi 4,2 km quadrati di Zona a Traffico Limitato rappresenta una tra le più ampie e più complesse ZTL al mondo. Il modello logistico-distributivo di ZED&L funzionerà integrando tra loro sistemi e tecnologie ecosostenibili, in particolare attraverso un magazzino centrale, ubicato a circa 12 km dal centro della città (zona Tiburtina) e da cui partiranno gli automezzi elettrici.

ZED&L intende in particolare distribuire 150-1.000 spedizioni al giorno nelle zone ZTL di Roma, da un magazzino, che fungerà da hub di prossimità, mediante l’uso di 5-20 veicoli elettrici (capacità di carico payload di 2,2 t, autonomia a pieno carico di 110-140 km, in grado di superare pendenze fino al 21%; ogni veicolo elettrico potrà consegnare nella ZTL anche 2 volte al giorno). Il magazzino/hub di prossimità sarà inizialmente coperto con 400 mq di pannelli fotovoltaici di ultima generazione che alimenteranno le stazioni di ricarica dei 3-7 veicoli elettrici adibiti alla distribuzione fisica delle merci.

Gli operatori logistici, Mancinelli Due, Laziale Distribuzione e Tra.ser, svilupperanno insieme il modello operativo e ne condivideranno gli obiettivi strategici.

Modello ZEDL1

 

L’obiettivo principale della proposta progettuale è lo sviluppo di una piattaforma integrata di “smart energy & logistics” per la gestione della distribuzione delle merci a reale impatto zero, secondo l’approccio “from well to wheel” (dal pozzo alla ruota).

La piattaforma sarà costituita da:

a) mezzi di trasporto full-electric;

b) infrastrutture di ricarica intelligenti con:

  • sistema di generazione distribuita dell’energia elettrica da fonte rinnovabile (fotovoltaico);
  • sistemi di accumulo stazionario di energia elettrica;
  • sistema di conversione, gestione e controllo dell’energia

c) sistema di smart-metering (sensoristica di bordo per la valutazione dei reali consumi energetici della flotta di veicoli);

d) software di controllo e gestione per la definizione del percorso ottimizzato delle merci, dei mezzi e dei carichi, anche in funzione  di:

  • piano previsto di consegna delle merci;
  • reale disponibilità dell’energia elettrica sul mezzo e nelle stazioni di ricarica;
  • autonomia reale dei mezzi in funzione della tipologia dei percorsi (distanza da percorrere, profili altimetrici, andamento del traffico, condizioni  atmosferiche);

e) software di monitoraggio per il governo del modello.

L’energia elettrica sarà gestita in modo da avere in tempo reale i livelli di potenza e la quantità di energia richiesti dalla piattaforma di gestione. L’approvvigionamento di energia elettrica dalla rete elettrica di distribuzione principale sarà attivato solo in particolari condizioni operative (nuvoloso, modifiche improvvise e non previste nel piano    di distribuzione merci, ecc..), oppure in punti di ricarica in cui non è possibile installare un impianto fotovoltaico di dimensioni adeguate all’energia/potenza richiesta dai mezzi. In questo caso, il sistema di gestione preleverà energia elettrica in bassa potenza dalla rete, preferibilmente nei momenti in cui il costo per kWh è inferiore, e alimenterà l’infrastruttura di ricarica in alta potenza sfruttando le batterie.

L’impianto fotovoltaico e il sistema di accumulo saranno di tipo “modulare”, per consentire eventuali ampliamenti successivi in funzione delle progressive variazioni e integrazioni del piano di distribuzione merci. La struttura “smart” proposta per l’infrastruttura di ricarica consentirà anche di evitare stress operativi e funzionali alle batterie. Questa modalità operativa permetterà di usare per l’accumulo stazionario anche batterie usate (second life), con un notevole risparmio dei costi dell’infrastruttura e un ulteriore abbattimento dell’impatto ambientale dell’intera filiera di distribuzione ultimo miglio  proposta.

La stessa infrastruttura è predisposta per attivare la modalità “vehicle to grid”: nei giorni in cui la consegna merci è ridotta, i mezzi con le batterie caricate dai pannelli fotovoltaici potranno successivamente posizionarsi in punti predefiniti della città e immettere nella rete l’energia elettrica accumulata per rivenderla direttamente o per compensare (mediante accordo con gli operatori energetici), quella prelevata dalla rete elettrica durante i periodi di picco della distribuzione merci.

Il CNR si occuperà di validare i risultati, sia dal punto di vista economico che della sostenibilità ambientale, confrontando gli attuali sistemi di logistica distributiva che vengono utilizzati in ambito urbano e il nuovo sistema che verrà sviluppato nell’ambito del presente progetto basato su veicoli   a trazione elettrica. La validazione del modello consisterà nella analisi dei dati rilevati dalle sperimentazioni sul campo e che i partner del progetto forniranno al CNR. Il risultato dell’attività consisterà in un rapporto tecnico contenente la descrizione del modello, nonché i risultati delle  sperimentazioni/simulazioni.

Obiettivi Strategici

I principali obiettivi che il progetto ZED&L intende raggiungere nei prossimi 2 anni sono cinque:

  1. Validare il modello come la migliore soluzione logistica ecosostenibile per la Distribuzione Fisica e Logistica nelle ZTL (CO2 = 0), attraverso l’analisi comparativa tra il modello energetico ambientale tradizionale e quello introdotto da ZED&L, in base ai principali indicatori selezionati nel corso della fase di ricerca e test;
  2. Rendere il modello replicabile/riproducibile a livello nazionale ed internazionale nel settore della logistica distributiva, per innalzare l’efficienza e l’efficacia nella gestione dei circuiti di distribuzione dei beni;
  3. Promuovere e favorire la nascita e lo sviluppo in ambito nazionale ed internazionale di società pubbliche e private di logistica green, contribuendo alla creazione di spin-off e di nuova occupazione;
  4. Sviluppare e brevettare la piattaforma di governo del sistema energetico e logistico (dashboard intelligente), quale strumento operativo di pianificazione e ottimizzazione logistica, di gestione del parco mezzi elettrici, e degli impianti fissi di generazione e ricarica batterie;
  5. Raggiungere costi gestionali allineati o minori del 10-15% rispetto al «modello logistico tradizionale».

BP ZEDL1

 

Partenariato

Mancinelli Due S.r.l., Laziale Distribuzione S.p.A., TraSer S.r.l., Act Operations Research S.r.l., Università di Cassino e del Lazio Meridionale, POMOS – Polo  della Mobilità sostenibile, CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche – IASI, Theorematica S.r.l., FIT Consulting S.r.l., 9REN Group S.r.l., SGL Relogistics S.r.l., BIP – Best Ideas & Projects.

Partner-ZEDL

Endorsement

Il progetto ZED&L ha ricevuto 2 importanti endorsement, rispettivamente da Assologistica e dall’Università Federico II di Napoli (DICEA).

ENDORSEMENT ASSOLOGISTICA1ENDORSEMENT UNIVERSITA' FEDERICO II1